cane anziano


Curcuma, la spezia amica delle articolazioni

La curcuma è comunemente conosciuta come una spezia arancione estratta dal rizoma di una pianta che cresce per lo più in India,  appartenente alla famiglia delle Zingiberaceace. Tradizionalmente la Medicina Ayurvedica e la Medicina Cinese la utilizzano per la sue numerose proprietà benefiche. Una tra tutte, e forse quella più conosciuta anche in Medicina Veterinaria, è l’azione antinfiammatoria e antiossidante nelle patologie articolari. Il principio attivo contenuto nella curcuma, la curcumina, agisce bloccando citochine ed enzimi pro-infiammatori (COX-2), target di una categoria di antinfiammatori (anti COX-2) molto utilizzati in medicina veterinaria. Il National Institute of Health ha in atto diversi studi scientifici sulle proprietà della curcumina e l’American Academy of Pain Management ha redatto e discusso un articolo sui benefici antidolorifici nel trattamento dell’artrite reumatoide e dell’osteoartrite nell’uomo. La curcuma ha molti altri benefici come ad esempio: azione coadiuvante nella terapia antiparassitaria (come un’altra amica di colore arancio: la zucca), nel trattamento dell’epilessia, della depressione (eh, si , anche gli animali si deprimono ma… colpa nostra!) o nel trattamento di disordini digestivi o diarree.              Come somministrare la curcuma? Diversi esperti hanno osservato che l’assorbimento a livello intestinale non è ottimale. Se ingerita come polvere tal quale si […]